Colter Wall, un cowboy a Milano

Please follow and like us:
RSS
Follow by Email
YouTube
Facebook
Facebook
Instagram
Twitter
Visit Us
Pinterest

Colter Wall, un cowboy a Milano

Per Colter Wall il Legend Club si riempie via via con fan di tutte le età che sono venuti a scoprire una delle più interessanti “nuove voci” della scena country / folk degli ultimi anni.

Per un concerto country nel cuore di Milano, sono di nuovo sorpresa nel vedere così tante persone riunirsi davanti al palco.

E dopo una mezz’ora abbondante di intro fatta da Ian Noe, Colter Wall arriva sul palco, scortato da un gigante samoano!

Barba rossa fiammeggiante come il ginger ale che il suo manager aveva delicatamente collocato su una sedia sul palco, cappello stetson, jeans stretti, cintura di cuoio e stivali da cowboy usati, sono abbagliata dallo stereotipo del cowboy appena salito sul palco.

Ed è qui che canta la sua prima canzone dal suo nuovo album omonimo: Colter Wall. Il canadese sorprende con la sua maturità e la sua voce profonda. Ha solo 22 anni ma potrebbe cantare con Johnny Cash, e questa è la magia della musica, quella di trasportarci in una nuova era o dimensione. Armato della sua chitarra acustica e con una straordinaria semplicità, Colter Wall racchiude le ballate che ha scritto a Nashville o nella sua città natale di Swift Current, Saskatchewan.

 

Una voce profonda…

La sua voce profonda ci riporta agli anni ’60 e potrebbe far parte di colonne sonore dei più grandi western del tempo, immaginiamo un contadino americano sotto il suo portico a sorseggiare un Ice Tea e suonare le sue canzoni con una calma disarmante. Con una tecnica vocale ben padroneggiata, tuttavia, ha un “graffio” nella voce che fa passare ogni tipo di emozioni e la rende molto interessante.

Folla in delirio. Davvero … con ognuna delle sue canzoni, la folla è sempre più scatenata. Non privo di senso dell’umorismo, interagisce con il pubblico e racconta la sua esperienza di musicista tra una canzone e l’altra. È a suo agio, la scena gli appartiene.

Le canzoni sono introspettive e un po’ psichedeliche, l’album è stato prodotto da David Cobb, il ragazzo che produce Chris Stapleton, uno da niente insomma …

Vogliamo rilassarci, sederci sul fondo di una poltrona Chesterfield consumata e fumare un buon sigaro mentre ascoltiamo le sue canzoni … Ma anche se Colter Wall sembra un vecchio cowboy, rappresenta il futuro del country folk più sobrio ed efficace che spacca con molti cantanti country che hanno ceduto alle sirene del pop negli ultimi anni. Quando Mr. Wall vincerà un CMA, potremo dire che noi eravamo lì …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.